giovedì 1 settembre 2011

GNOCCHI FATTI IN CASA



Quando da piccolina vedevo mia nonna preparare gli gnocchi, restavo incantata a guardarla.
Si muoveva veloce e sicura e con i pochi strumenti che avevamo in casa (forchette, vecchi mestoli, la grattugia per il formaggio) creava dei veri capolavori.
Io ero la sua assistente, la seguivo in tutto e alla fine mi arrivava sempre un pezzo di impasto tutto per me per provare a preparare i miei gnocchi.
Di solito li facevo sempre diversi dai suoi per riuscire a riconoscerli, se per rigarli usava la forchetta allora io usavo la grattugia del formaggio rovesciata, e viceversa.
E’ incredibile come mi ricordi tutto di mia nonna, anche se ormai se né andata da molto tempo.
E’ stata la mia più grande maestra di vita e i suoi insegnamenti e la fiducia incondizionata che mi trasmetteva non mi abbandoneranno mai.

Ma torniamo alla ricetta prima che mi cada qualche lacrimuccia, sono talmente abituata a preparare gli gnocchi in casa che la prima volta che li ho fatti da sola, non ho nemmeno dovuto leggere la ricetta.
Ci credete che ho assaggiato solo una volta quelli confezionati e li ho trovati così diversi da quelli a cui sono abituata che non li ho più mangiati. Non sono cattivi ma quelli fatti in casa sono tutta un’altra cosa.
In genere li preparo con il ragù di carne, ma questa volta ho voluto condirli con un sugo di pomodoro e speck e spolverati di ricotta affumicata, sembra siano piaciuti perché tutti i piatti, dopo la scarpetta, erano completamente ri-puliti.


Vi segno qui le dosi corrette, ho dovuto pesarle apposta per scriverle qua nel blog, di solito faccio tutto ad occhio:


Ingredienti per 4 persone :

1 kg circa di patate ( le mie erano 900 grammi)
300g circa di farina 00 Molino Chiavazza
1 uovo
Sale

Per prima cosa, lavate molto bene le patate in modo da eliminare tutta la terra.
Mettetele in una pentola , ricoperte d’acqua e lessatele per circa 30 minuti, verificate con una forchetta che siano effettivamente morbide altrimenti prolungate la cottura.
Una volta cotte vanno spellate e passate nello schiacciapatate.


Mettete la purea di patate in un piano di lavoro infarinato (io per comodità ho iniziato ad impastarle direttamente nella terrina), praticate un foro al centro e mettete l’uovo, metà della farina e il sale.


Impastate bene tutti gli ingredienti con le mani e continuate ad aggiungere altra farina finché non ottenete un composto omogeneo ma non troppo duro.


A questo punto, formate dei filoncini e tagliateli della dimensione che volete dare ai vostri gnocchi.


Per rigarli ho utilizzato uno strumento antichissimo che non può sicuramente mancare nelle vostre cucine…. LA FORCHETTA!!!
Basta infarinare la forchetta e premere leggermente gli gnocchi.
Appena pronti metteteli nei piatti  (infarinati mi raccomando, altrimenti si attaccano), finché non andrete a cucinarli.


Per la cottura, basta portare ad ebollizione abbondante acqua salata, tuffate gli gnocchi, quando risalgono in superficie, prelevateli con un mestolo forato, in modo che l’acqua in eccesso scoli via.
Condite gli gnocchi secondo i vostri gusti, ma serviteli ben caldi.


Io li ho conditi con sugo facilissimo da prepare,  pomodoro e speck, e una spolverata di ricotta affumicata.

Questa è la ricetta del sugo:

Ingredienti (per 4 persone):

500g Passata di pomodoro
1 etto di speck tagliato a cubetti
½ cipolla bianca
Un pizzico di noce moscata
Sale
Olio extravergine di oliva

Tritate la cipolla e fatela soffriggere in alcuni cucchiai di olio extravergine di oliva, dopo alcuni minuti aggiungete la passata di pomodoro, lo speck , il sale e la noce moscata.
Lasciate cuocere a fuoco basso per almeno 10-15 minuti.
Quando la passata di pomodoro comincerà ad addensarsi il sugo sarà pronto.

Buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Profumo di cose buonem Le ricette con .. la nonna:


Con questa ricetta partecipo al nuovo contest del blog "La cultura del frumento" indetto da Molino Chiavazza sulle Paste regionali :

15 commenti:

  1. Brava sono molto piu buoni fatte con le nostre mannine!

    RispondiElimina
  2. Che buoni, io adoro gli gnocchi fatti in casa!!!!

    RispondiElimina
  3. ci credi che mi è venuta fame???
    sono buonissimi, vorrei tanto imparare a farli!
    segno la ricetta e provo...
    bacioni

    RispondiElimina
  4. @Mary: grazie

    @Valeria: anch'io li adoro..

    @Caia: E' facile vedrai..

    RispondiElimina
  5. Che care le nonne che sono. La mia ha sempre fatto e ancora fa, anche se con meno frequenza, i cavatelli e la pasta lunga pugliese, mi incanto anche io a guardarla in quei movimenti che a lei vengono così naturali mentre a me sembrano impossibili! Sei stata molto brava, sono invitantissimi i tuoi gnocchi e mi sono segnata la ricetta del sugo, invitante anche lui. Ciao bella!

    RispondiElimina
  6. Sono i secondi gnocchi che vedo oggi, sarà un segno che devo prepararli. Ciao e auguri per ieri.

    RispondiElimina
  7. Anche io avevo una nonna "maestra di cucina". Dici che è colpa sua se sono qui? :-D
    Magnifici i tuoi gnocchi. Fatti in casa sono davvero un'altra cosa.

    RispondiElimina
  8. Che appetitoso questo piatto di gnocchi, me ne hai fatto venire una gran voglia! Tanti auguri passati per il tuo compleanno :)

    RispondiElimina
  9. adoro gli gnocchi!!! i tuoi sembrano davvero ottimi...bacioni

    RispondiElimina
  10. Una di quelle ricette scalda cuore, che non richiede dosi.
    I tuoi sono perfetti!!!!
    Un bacione!!!!

    RispondiElimina
  11. adoro gli gnocci, se poi sono fatti in casa ancora meglio

    RispondiElimina
  12. Non ho mai preparato gli gnocchi in casa finora... mi sa che è proprio arrivato il momento di porre rimedio e questa ricettina casca proprio al momento giusto.
    Le ricette delle nonne sono sempre le migliori... decenni di esperienza non tradiscono mai.

    RispondiElimina
  13. Ottima presentazione della ricetta e buon compleanno ... a presto

    RispondiElimina
  14. Che bella soddisfazione fare gli gnocchi a casa ; )) ne vado matta!!!

    RispondiElimina
  15. Grazie per esserti iscritta al mio contest e per la dolcezza con cui hai raccontato di quando eri bambina :)
    a presto!

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti.