venerdì 24 giugno 2011

BOVOETI (ricetta tipica veneziana)



Oggi vi voglio parlare di una ricetta tipica veneziana, che non può assolutamente mancare il giorno del redentorore, che si festeggia a Venezia il terzo sabato di luglio, con fuochi d’artificio e festeggiamenti fino all’alba.
Sto parlando dei “BOVOETI”.
Si tratta di chioccioline bianche striate di nero, che si trovano da aprile a ottobre in prossimità dei litorali. Al mattino presto o dopo una pioggia si vedono spuntare numerosi.
Sono un piatto tipico, che facilmente di può trovare nei “bacari” (chioschi) in giro per calli e campielli veneziani, o nelle sagre di paese di tutto il veneto e si accompagna con una bella “ombra de vin bianco” (un bicchiere di vino bianco).
Se non avete tempo di raccoglierli, potete acquistarli in pescheria, dove li vendono confezionati in retini da un kg o in gatronomia, dove è facile trovarli già pronti.

Comuqnue non sono difficili da preparare bisogna solo avere un po’ di tempo.



Ingredienti:

1kg di Bovoletti
Prezzemolo
Olio extravergine di oliva
Aglio
Sale
Pepe

Preparazione:

Prima di cucinarli bisogna metterli a “spurgare” in una terrina, per almeno un paio d’ore, in acqua e sale, coprendoli con un un piatto per non farli scappare.
Lavateli molto bene sotto l’acqua corrente e metteteli in una pentola con l’acqua fredda.
Vanno messi sul fuoco bassissimo, perché i bovoletti sentendo il calore escono dal guscio.
Quando sono usciti quasi tutti, aggiungere il sale e alzare il fuoco, finchè non si forma una schiuma bianca, a questo punto sono cotti.
Scolateli e metteteli in una terrina con una bella spruzzata di pepe, aglio tagliato a pezzettini, e prezzemolo tritato.

Conditeli con un po’ di olio extravergine di oliva e lasciateli riposare per alcune ore prima di servirli. Il giorno dopo sono ancora più buoni.
Vengono mangiati con un stuzzicadenti, per poterli estrarre facilmente.


Buon appetito!



21 commenti:

  1. li mangiavo spesso quando ero piccola, mi piacevano un sacco!
    mi hai fatto tornare in mente tanti ricordi...
    bacioni

    RispondiElimina
  2. Purtoppo a me non piacciono proprio...però a vedere queste belle foto viene comunque l' acquolina...Un bacione e buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  3. @caia: anche a me piacciono molto... perchè si mangiano sempre alle feste. A questo piatto sono legati molti ricordi.

    @Patrizia: immagino... io sono abituata a mangiarli fin da piccola. E' un piatto diciamo un po' particolare! :)

    RispondiElimina
  4. che ricordi di infanzia..mia mamma li faceva col pomodoro e la cipollina...non li mangio da tanto tempo...brava questa tua versione mi piace tanto..bacioni e buon fine settimana

    RispondiElimina
  5. eh si,queste sono ricette della tradizione!!!

    RispondiElimina
  6. Mio marito apprezzerebbe sicuramente questo piatto! chissà se le trovo qui..

    RispondiElimina
  7. Mhhhh...che buone!!Lo sai che allo stesso modo si mangiano al sud?Durante le mie estati da bambina in Puglia ricordo donne e bambini la sera seduti al fresco sull'uscio di casa mangiando proprio queste...ma non ricordo piu' come vengono chiamate li'!:-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Sicilia si chiamano babbaluci, dall'arabo babus... lumache... anche se sono chioccioline!

      Elimina
    2. Nel salento si chiamano "cozze piccinne" o "cozze pintuliddhe"

      Elimina
  8. Eh sì è un piatto della tradizione.
    Anche nella mia città oggi si usa mangiare le lumache. Ricordo da piccola mio nonno impegnato in questa lunga preparazione. A me hanno fatto sempre un po' senso. Complimenti per le foto.

    RispondiElimina
  9. Spuntano in prossimità dei litorali... ma quindi sono marine? non riesco a capire. Con questa forma qui le assimilo di più alle lumache di terra, però anche se non le ho preparate mai, so che il procedimento per farle spurgare è diverso e richiede lattuga o crusca e tempi molto più lunghi... mi illustri meglio?
    Comunque anche da noi in Abruzzo le lumache, di qualsiasi tipo, ma soprattutto quelle marine, vengono chiamate "bummalitt'", che ha una discreta assonanza con "bovoeti" ;-)

    RispondiElimina
  10. @Scarlett: mai mangiate con il pomodoro, devono essere buone !!

    @Mirtilla: si.. è vero!

    @Titty: penso di si, magari si chiamano in un altro modo..

    @Makenia: Davvero?!.. non lo sapevo ..

    @Fra: fonno un po' senso a tante persone.. però ti assicuro che sono buone.

    @minpeepx: non sono marine! non le trovi in acqua ma le trovi nei cespugli subito a ridosso delle spiagge. In effetti sono delle lumachine vere e proprie.. ma non le classiche lumache marroni che vivono per i campi, queste vivono solo vicino alla spiaggge(almeno credo, perchè io le ho viste solo là).

    RispondiElimina
  11. Eh, si un bel piatto della tradizione,presentato e spiegato molto bene!!!!!!!Buon w.e.

    RispondiElimina
  12. Un saluto. Su questo piatto, passo... Laura

    RispondiElimina
  13. che buoneeeeee ... in sicilia ,nella versione dialettale vengono detti "crastuni" sono veramente deliziosi solo che non si trovano tanto facilmente quindi diventa una vera preziosità mangiarli .

    RispondiElimina
  14. @housewives : davvero è difficile trovarli?... qui da me in veneto, in questa stagione si trovano ovunque!

    RispondiElimina
  15. Comprati stamattina "aspettano" di finire in pentola per essere gustati stasera...Non ricordavo più le modalità di cottura perciò sono finita qui e, devo dire, niente male l'aria di vuona tavola che c'è! Piacere! L'ago fatato di magu.blogspot.com

    RispondiElimina
  16. io li ho comprati per il mio rettile :P lui li gradirà sicuramente più di me ...volevo congelarli per avere una scorta di cibo interminabile, ora sono a spurgare in acqua....questo significa che avranno poi l'intestino libero o rimane la cacchina??
    Elena

    RispondiElimina
  17. Che vino mi consigliate da accostare ai bovoletti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio il prosecco.. comunque un bianco frizzante.

      Elimina

Grazie per i vostri commenti.